Buona la seconda

Anche io vorrei dare il mio piccolo contributo al diario dei ricordi, anche se scrivere non è il mio forte. Spero comunque di riuscire a tradurre in parole le emozioni e i ricordi che albergano nel mio cuore. Dunque, la storia inizia nel Novembre del 1983: avevo 14 anni e con mio padre andai al Salone del ciclo e motociclo di Milano dove vidi per la prima volta la Gilera RV. Fu un colpo di fulmine. Ma erano altri tempi, mica come oggi che ai ragazzi è tutto dovuto. All’epoca se volevi qualcosa dovevi guadagnartela.
Avevo un Malaguti Fifty full cx, un motorino bellissimo, ma nei miei sogni c’era  l’RV 125 e non potendo permettermela, comprai da un mio amico una AMF/Harley Davidson 125 del 1977, con il telaio storto.
Una volta a casa, grazie all’aiuto di mio padre, riuscii a rimetterla in efficienza, ma nonostante ciò, i miei amici continuavano a chiamarla “il cadavere” anche a causa del colore nero. Ero contento del lavoro, ma una parte di me era sempre triste perché in testa avevo sempre l’RV. Andai a lavorare e in 4 mesi di sacrifici, misi via i soldi e mi comprai una Gilera RV 125 bianca con sella rossa di seconda mano: con 2.200.000 di allora realizzai il mio sogno.
Stefano con la sua prima RV

Stefano con la sua prima RV

Con l’RV ho avuto tante belle avventure finite, purtroppo il tragico 20 agosto del 1992 quando ebbi un incidente e volai via a causa dell’impatto violentissimo. Per tornare a camminare ci misi 6 mesi mentre la mia RV fu demolita. Sono stato anni senza moto. Nel 1999, tuttavia, decisi che dovevo riavere la mia amata RV, solo che doveva essere una 200 per andare in autostrada. La trovai e la compari utilizzandola tutti i giorni fino al 2003 quando, dopo aver preso una Honda Transalp, accantonai la Gilera in un angolo del box.
Ogni mattina quando scendevo a prendere la Honda la guardavo, il mio sguardo si incrociava con il suo e mi faceva venire nostalgia delle molte avventure passate. Non mi aveva mai tradito e quasi mi sentivo in colpa per averla abbandonata al suo destino. Una notte del 2005 non riuscivo a dormire e mi sono tornate in mente le avventure con la mia Gilera. Dovevo fare qualcosa. E da lì la pazza idea del restauro.
Il restauro è deciso: si parte!

Il restauro è deciso: si parte!

 

RV 200 di Stefano in fase di rimontaggio.

RV 200 di Stefano in fase di rimontaggio.

Il mattino seguente la decisione era stata presa: la RV doveva rinascere! In 6 mesi ho recuperato tutto il materiale e nel 2006,  finito il restauro, riuscii pure a mettere online un piccolo sito. Mese dopo mese i contatti sono cresciuti e in pochi anni si è formato l’attuale gruppo. Che dire? Sono fiducioso che la mia RV vivrà per sempre.
Stefano
Gilera_32
DSCF0598
IMG_1835

Comments are closed.