Home

===

mia ridotta

= = =

È proprio vero che ci sono amori che non si scordano mai. Di certo ciascuno di noi si ricorda perfettamente della prima ragazza, incontrata ai tempi di scuola e per la quale il cuore palpitava forte. Così come è impossibile dimenticare i luoghi delle vacanze d’infanzia, per i quali si prova nostalgia anche a distanza di anni. Alla stessa maniera è scolpita nella mente la prima moto dei nostri sogni, per la quale sfogliavamo in continuazione le stesse pagine della medesima rivista che l’aveva provata, che ci faceva trascorrere pomeriggi interi davanti alla vetrina del concessionario a guardarla e riguardarla, la moto che ci voltavamo a guardare tutte le volte che ne vedevamo una uguale per strada.

È stato così anche a me. Il primo amore si chiamava Elena, le scene delle prime vacanze erano sulle spiagge della provincia di Trapani, e c’era una moto che a me appariva bellissima, della quale sapevo riconoscere il rumore anche a distanza, di cui sfogliavo incessantemente le pagine dei periodici di settore che l’avevano provata. Avevo tredici anni e quella moto portava sul serbatoio il glorioso marchio Gilera e si chiamava RV, che già in sé portava il significato della velocità, di lunghi e tortuosi nastri d’asfalto da affrontare con la moto tutta piegata come i campioni delle piste.

Non ho mai posseduto una RV, ma quella moto dalla linea elegante e impetuosa non mi è mai andata via di mente. Sono trascorsi tanti anni, ho conservato i fascicoli che ne riportavano la prova e nel frattempo alle riviste si è pian piano preferita l’immediatezza del web. E così, quando pensavo che a distanza di decenni fossero in pochi ad aver mantenuto traccia dell’RV nei propri pensieri, grande è stata la mia sorpresa di trovare un sito Internet ad essa interamente dedicato.

Pochi minuti dopo sono al telefono con Stefano, l’ideatore di questa moltitudine di ricordi raccolti su una serie di pagine Internet. E scopro tutt’un mondo di appassionati delle due tempi Gilera degli anni Ottanta, gente che si diverte come ragazzini a cercare pezzi di ricambio in lungo e in largo per l’Italia, a rimettere in sesto motociclette dimenticate in garage polverosi, a incontrarsi per percorrere insieme chilometri e chilometri contenti come adolescenti che hanno trovato il primo amore.

Ci sono moto dimenticate e moto che vengono ricordate con passione. La differenza sta di certo in ciò che queste moto furono capaci di incidere da nuove sotto gli aspetti tecnici ed estetici, nella celebrità del loro marchio, nel richiamo alle competizioni. Ma un ruolo importantissimo lo gioca la passione dei sostenitori di un modello, la loro capacità di riportare a galla ricordi ed emozioni.

Nel 2013 si è celebrato il 30° compleanno della Gilera RV. E se ci stringiamo idealmente attorno a spegnere le candeline attorno a questa bella 125 è proprio perché c’è chi, in questi trent’anni e passa, non ha mai smesso di sventolarne la bandiera dei ricordi.

Francesco

Da sx a dx: RV 200 RX 200, RV 250 NGR - ARCHIVIO STORICO PIAGGIO, PONTEDERA

Da sx a dx: RV 200 RX 200, RV 250 NGR – ARCHIVIO STORICO PIAGGIO, PONTEDERA

 

Attenzione: questo sito nasce per celebrare la Gilera RV 125/200 grazie al lavoro di un gruppo di appassionati e non ha scopo di lucro. Le immagini e i testi in esso contenuti sono di proprietà dei rispettivi autori e non possono essere copiate o riprodotte senza il consenso degli stessi. Parte del materiale storico ci è stato gentilmente concesso dall’ARCHIVIO STORICO della PIAGGIO ed è di proprietà del Museo Piaggio/Fondazione Piaggio.